Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/11


Ché tu salist’en gloria, — esso sces’en miseria;
or quigna conveneria — ha enseme sta vergata?
La sua umilitate — prender umanitate,
69par superbietate — on’altra ch’è pensata.
Accurrite, accurrite, — gente; co non venite?
vita eterna vedite — con la fascia legata.
Venitel a pigliare, — che non ne può mucciare,
72ché deggi arcomperare — la gente desperata.