Pagina:I quattro libri dell'architettura.djvu/263


sabbia. Le vie della prima maniera (per quanto da alcuni vestigi s’è potuto congetturare) erano divise in tre spazj: per quel di mezzo, il quale era più alto degli altri due, ed il quale era alquanto colmo nel mezzo, acciò l’acque potessero scorrere e non vi si affermassero; andavano i pedoni, ed era salicato di pietre incerte, cioè, di lati e d’angoli diseguali: nel qual modo di salicare, come è stato detto altrove, usavano una squadra di piombo, la quale aprivano e serravano, come andavano i lati e gli angoli delle pietre, onde le commettevano benissimo insieme e ciò facevano con prestezza: gli altri due spacj, ch’erano dalle bande; si facevano alquanto più bassi e si coprivano di sabbia e di ghiara minuta e per quelli andavano i cavalli. Era ciascuno di questi margini largho per la metà della larghezza del spazio di mezzo, dal quale erano divisi con laste di pietra poste in coltello; ed ogni tanto spacio u’erano poste alcune pietre in piedi più alte del rimanente della strada sopra le quali salivano, quando volevano montare a cavallo; conciosiache gl’antichi non usassero staffe. oltre di queste pietre poste per l’uso detto, v’erano altre pietre molto più alte nelle quali si trovava scritto di mano in mano le miglia di tutto il uiaggio e furono da Gneo Graco misurate queste vie e conficate le dette pietre. Le vie militari della seconda maniera, cioè fatte di sabbia e di ghiara, facevano gl’antichi alquanto colme nel mezzo, per la qual cosa, non potendovi restar l’acqua, ed essendo elle di materia atta ad asciugarsi presto, erano d’ogni tempo polite, cioè senza fango e senza poluere. Di questa sorte se ne vede una nel Friuli, la quale è detta dagli abitatori di quei luoghi la Postuma e conduce in Ongheria: ed un’altra ve n’è su quel di Padoa, la quale cominciando dalla detta Città, nel luogo, che si dice l’Argere; passa per mezzo Cicogna Villa del Conte Odoardo e del Conte Theodoro fratelli de’ Thieni e conduce all’Alpi, che dividono L’Italia dalla Germania. Della prima maniera di vie è il disegno, che segue, dal quale si può conoscer come doveva esser fatta la via Hostiense. Della seconda maniera non mi è parso necessario il farne disegno alcuno, perchè è cosa facilissima, ne vi è bisogno di alcuna industria purche si facciano colme nel mezzo, onde l’acqua non vi si possa affermare. A, E’ il spacio di mezzo per dove andavano i pedoni. B, Sono le pietre, che servivano a salire a cavallo. C, Sono i margini coperti di Arena e di ghiara, per i quali andavano i cavalli.