Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/861


della colonna infame 855

e la plebe credula al solito, e la nobiltà superba son pronti a difenderla, come quello che possano aver di più caro e di più sacro. Mettersi in guerra con tanti, sarebbe un’impresa dura e inutile; e per ciò, senza negare, nè affermare, nè pender più da una parte che dall’altra, mi ristringerò a riferir l’opinioni altrui1." Chi domandasse se non sarebbe stata cosa più ragionevole, come più facile, il non parlarne affatto, sappia che il Ripamonti era istoriografo della città; cioè uno di quegli uomini, ai quali, in qualche caso, può essere comandato e proibito di scriver la storia.

Un altro istoriografo, ma in un campo più vasto, Batista Nani,

I Promessi Sposi 861.png

veneziano, che in questo caso non poteva esser condotto da nessun riguardo a dire il falso, fu condotto a crederlo dall’autorità d’un’iscrizione e d’un monumento. "Se ben veramente", dice, "l’immaginazione de’ popoli, alterata dallo spavento, molte cose si figurava, ad ogni modo il delitto fu scoperto e punito, stando ancora in Milano l’iscrizioni e le memorie degli edifici abbattuti, dove que’ mostri si

  1. pag. 107, 108.