Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/854

848 storia

che lo salvò. Non fu interrogato di nuovo, se non dopo il primo esame del Padilla; e l’assoluzion di questo tirò dietro la sua.

Il Padilla, dal castello di Pizzighettone, dov’era stato trasferito, fu condotto a Milano il 10 di gennaio del 1631, e messo nelle carceri del capitano di giustizia. Fu esaminato quel giorno medesimo; e se ci fosse bisogno d’una prova di fatto per esser certi che anche que’ giudici potevano interrogar senza frodi, senza menzogne, senza violenze, non trovare inverisimiglianze dove non ce n’era, contentarsi di risposte ragionevoli, ammettere, anche in una causa d’unzioni venefiche, che un accusato potesse dir la verità, anche dicendo di no, si vedrebbe da questo esame, e dagli altri due che furon fatti al Padilla.

I soli che avessero deposto d’essersi abboccati con lui, il Mora e il Baruello, avevano anche indicati i tempi; il primo all’incirca, il secondo più precisamente. Domandaron dunque i giudici al Padilla, quando fosse andato al campo: indicò il giorno; di dove fosse partito per andarci: da Milano; se a Milano fosse mai tornato in quell’intervallo: una volta sola, e c’era rimasto un giorno solo, che specificò ugualmente. Non concordava con nessuna dell’epoche inventate dai due disgraziati. Allora gli dicono, senza minacce, con buona maniera, che si metta a memoria se non si trovò in Milano nel tal tempo, nel tal altro: risponde ogni volta di no, rapportandosi sempre alla sua prima risposta. Vengono alle persone, e ai luoghi. Se aveva conosciuto un Fontana bombardiere: era il suocero del Vedano, e il Baruello l’aveva nominato come uno di quelli che s’eran trovati al primo abboccamento. Risponde di sì. Se conosceva il Vedano: di sì ugualmente. Se sa dove sia la Vetra de’ Cittadini e l’osteria de’ sei ladri: era lì che il Mora aveva detto esser venuto il Padilla, condotto da don Pietro di Saragozza, a fargli la proposta d’avvelenar Milano. Rispose che non conosceva nè la strada, nè l’osteria, neppur di nome. Gli domandano di don Pietro di Saragozza: questo non solo non lo conosceva, ma era impossibile che lo conoscesse. Gli domandano di certi due, vestiti alla francese; d’un cert’altro, vestito da prete: gente che il Baruello aveva detto esser venuti col Padilla all’abboccamento sulla piazza del castello. Non sa di chi gli si parli.

Nel secondo esame, che fu l’ultimo di gennaio, gli domandan del Mora, del Migliavacca, del Baruello, d’abboccamenti avuti con loro, di danari dati, di promesse fatte; ma senza parlargli ancora della trama a cui tutto questo si riferiva. Risponde che non ha mai avuto