Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/850

844 storia

dovesse dire ogni momento a sè stesso: l’ho condotto qui io. Di tanti orrori fu cagione la debolezza... che dico? l’accanimento, la perfidia di coloro che, riguardando come una calamità, come una sconfitta, il non trovar colpevoli, tentarono quella debolezza con una promessa illegale e frodolenta.

Abbiamo citato sopra l’atto solenne con cui una promessa simile fu fatta al Baruello, e abbiamo anche accennato di voler far vedere il conto diverso che i giudici ne facevano. Per ciò principalmente racconterem qui in succinto la storia anche di questo meschino. Accusato in aria, come s’è visto, prima dal Piazza d’essere un compagno del Mora, poi dal Mora d’essere un compagno del Piazza; poi dall’uno e dall’altro d’aver ricevuto danari per isparger l’unguento composto dal Mora con certe porcherie e peggio (e prima avevan protestato di non saper questo); poi dal Migliavacca, d’averne composto uno lui, con altre peggio che porcherie; costituito reo di tutte queste cose, come se ne facessero una, negò e sostenne bravamente i tormenti. Mentre pendeva la sua causa, un prete (che fu un altro de’ testimoni fatti citar dal Padilla), pregato da un parente di questo Baruello, lo raccomandò a un fiscale del senato; il quale venne poi a dirgli che il suo raccomandato era sentenziato a morte, con tutta quell’aggiunta di carnificine; ma insieme, che "il senato s’accontentava di proccurarli da S.E. l’impunità". E incaricò il prete che andasse a trovarlo, e vedesse di persuaderlo a dir la verità: "poichè il Senato vol sapere il fondamento di questo negocio, e pensa di saperlo da lui". Dopo averlo condannato! e dopo quelle esecuzioni!

Il Baruello, sentita la crudele notizia, e la proposizione, disse: "faranno poi di me come hanno fatto del Commissario?" Avendogli il prete detto che la promessa gli pareva sincera, cominciò una storia: che un tale (il quale era morto) l’aveva condotto dal barbiere; e questo, alzato un telo del parato della stanza, che nascondeva un uscio, l’aveva introdotto in una gran sala, dov’eran molte persone a sedere, tra le quali il Padilla. Al prete, che non aveva l’impegno di trovar de’ rei, parvero cose strane; sicchè l’interruppe, avvertendolo che badasse di non perdere il corpo e l’anima insieme; e se n’andò. Il Baruello accettò l’impunità, corresse la storia; e comparso l’undici di settembre davanti ai giudici, raccontò loro che un maestro di scherma (vivo pur troppo) gli aveva detto esserci una buona occasione di diventar ricchi, facendo un servizio al Padilla; e l’aveva poi condotto