Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/848

842 storia

irritarla. Essi riusciron pur troppo a farle smentire in parte, nel modo che sarebbe stato il più decisivo, se non fosse stato il più illusorio; cioè col far che accusassero sè medesimi, molti che da quelle proteste erano stati così autorevolmente scolpati. Di quest’altri processi toccheremo soltanto, come abbiam detto, qualcosa, e soltanto d’alcuni, per venire a quello del Padilla; cioè a quello che, come per l’importanza del reato è il principale, così, per la forma e per l’esito, è la pietra del paragone per tutti gli altri.



VI.



I due arrotini, sciaguratamente nominati dal Piazza, e poi dal Mora, erano stati imprigionati fino dal 27 di giugno; ma non furon mai confrontati, nè con l’uno nè con l’altro, e neppure esaminati, prima dell’esecuzione della sentenza, che fu il primo d’agosto. L’undici fu esaminato il padre; il giorno dopo, messo alla tortura, col solito pretesto di contradizioni e d’inverisimiglianze, confessò, cioè inventò una storia, alterando, come il Piazza, un fatto vero. Fecero l’uno e l’altro come que’ ragni, che attaccano i capi del loro filo a qualcosa di solido, e poi lavoran per aria. Gli avevan trovata un’ampolla d’un sonnifero datogli, anzi composto in casa sua, dal Baruello suo amico; disse ch’era un onto per fare che moressero la gente; un estratto di rospi e di serpi, con certe poluere che io non so che poluere siano. Oltre il Baruello, nominò come complice qualche altra persona di comune conoscenza, e per capo il Padilla. Avrebbero i giudici voluto attaccar questa storia a quella de’ due che avevano assassinati, e far per ciò dire a costui, che aveva ricevuto da loro onto et danari. Se avesse negato semplicemente, avevan la tortura; ma la prevenne con questa singolare risposta: Signor no, che non è vero; ma se mi date li tormenti perchè io neghi questa particolarità, sarò forzato a dire che è vero, benchè non sij. Non potevan più, senza farsi troppo apertamente beffe della giustizia e dell’umanità, adoprar come esperimento un mezzo del quale eran così solennemente avvertiti che l’effetto sarebbe certo.

Fu condannato a quel medesimo supplizio; dopo l’intimazion della sentenza, torturato, accusò un nuovo banchiere, e altri; in cappella, e sul patibolo, ritrattò ogni cosa.