Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/826

820 STORIA

nominati, indizio alla tortura.... anzi nemmeno all’inquisizione.... e questa si può dire dottrina comunemente ricevuta dai dottori.1"

Il Mora fu messo alla tortura!

I promessi sposi 826.png

L’infelice non aveva la robustezza del suo calunniatore. Per qualche tempo però, il dolore non gli tirò fuori altro che grida compassionevoli, e proteste d’aver detta la verità. Oh Dio mio! non ho cognitione di colui, nè ho mai hauuto pratica con lui, et per questo non posso dire.... et per questo dice la bugia che sia praticato in casa mia, nè che sia mai stato nella mia bottega. Son morto! misericordia, mio Signore! misericordia! Ho stracciato la scrittura, credendo fosse la ricetta del mio elettuario.... perchè voleuo il guadagno io solamente.

Questa non è causa sufficiente, gli dissero. Supplicò d’esser lasciato giù, che direbbe la verità! Fu lasciato giù, e disse: La verità è che il Commissario non ha pratica alcuna meco. Fu ricominciato e accresciuto il tormento: alle spietate istanze degli esaminatori, l’infelice rispondeva: V.S. veda quello che vole che dica, lo dirò: la risposta di Filota a chi lo faceva tormentare, per ordine d’Alessandro il

  1. Farinacci, Quaest. XLIII; 185, 186.