Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/812

806 STORIA

io non ho fatto altro; però, se hauessi fallato in qualche cosa, ne domando misericordia.


I promessi sposi 812.png


Fu esaminato il giorno medesimo, e interrogato principalmente sul ranno che gli avevan trovato in casa, e sulle sue relazioni col commissario. Intorno al primo, rispose: signore, io non so niente, et l’hanno fatto far le donne; che ne dimandano conto da loro, che lo diranno; et sapeuo tanto io che quel smoglio vi fosse, quanto che mi credessi d’esser oggi condotto prigione.

Intorno al commissario, raccontò del vasetto d’unguento che doveva dargli, e ne specificò gl’ingredienti; altre relazioni con lui, disse di non averne avute, se non che, circa un anno prima, quello era venuto a casa sua, a chiedergli un servizio del suo mestiere.

Subito dopo fu esaminato il figliuolo; e fu allora che quel povero ragazzo ripetè la sciocca ciarla del vasetto e della penna, che abbiam riferita da principio. Del resto, l’esame fu inconcludente; e il Verri osserva, in una postilla, che “si doveva interrogare il figlio del barbiere su quel ranno, e vedere da quanto tempo si trovava nella caldaia, come fatto, a che uso; e allora si sarebbe chiarito meglio