Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/721


CAPITOLO XXXVII. 715

bagno, non gli dava altro che una fierezza, una voglia di camminar più presto.

È a Pescate; costeggia quell’ultimo tratto dell’Adda, dando però un’occhiata malinconica a Pescarenico; passa il ponte; per istrade e campi, arriva in un momento alla casa dell’ospite amico. Questo, che s’era levato allora, e stava sull’uscio, a guardare il tempo, alzò gli occhi a quella figura così inzuppata, così infangata, diciam pure così lercia, e insieme così viva e disinvolta: a’ suoi giorni non aveva visto un uomo peggio conciato e più contento.

“Ohe!” disse: “già qui? e con questo tempo? Com’è andata?”

“La c’è,” disse Renzo: “la c’è: la c’è.”


I promessi sposi 449.jpg


“Sana?”

“Guarita, che è meglio. Devo ringraziare il Signore e la Madonna fin che campo. Ma cose grandi, cose di fuoco: ti racconterò poi tutto.”

“Ma come sei conciato!”

“Son bello eh?”

“A dir la verità, potresti adoprare il da tanto in su, per lavare il da tanto in giù. Ma, aspetta, aspetta; che ti faccia un buon fuoco.”

“Non dico di no. Sai dove la m’ha preso? proprio alla porta del lazzeretto. Ma niente! il tempo il suo mestiere, e io il mio.”