Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/660

654 I PROMESSI SPOSI


“ Dio ve ne renda merito; aspettate un momento,” disse quella donna; e andò a cercare un paniere, e una fune da calarlo, come fece. A Renzo intanto gli vennero in mente que’ pani che aveva trovati vicino alla croce, nell’altra sua entrata in Milano, e pensava: — ecco: è una restituzione, e forse meglio che se gli avessi restituiti al proprio padrone: perchè qui è veramente un’opera di misericordia. —

“In quanto al commissario che dite, la mia donna,” disse poi, mettendo i pani nel paniere, “io non vi posso servire in nulla; perchè, per dirvi la verità, son forestiero, e non son niente pratico di questo paese. Però, se incontro qualche uomo un po’ domestico e umano, da potergli parlare, lo dirò a lui.”


I promessi sposi 417.jpg


La donna lo pregò che facesse così, e gli disse il nome della strada, onde lui sapesse indicarla.

“Anche voi,” riprese Renzo, “credo che potrete farmi un piacere,