Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/651


CAPITOLO XXXIII. 645


“ Proprio, ” disse Renzo; e si corsero incontro.

“ Sei proprio tu! ” disse l’amico, quando furon vicini: “ oh che gusto ho di vederti! Chi l’avrebbe pensato? T’avevo preso per Paolin de’ morti, che vien sempre a tormentarmi, perché vada a sotterrare. Sai che son rimasto solo? solo! solo, come un romito! ”

“ Lo so pur troppo, ” disse Renzo. E così, barattando e mescolando in fretta saluti, domande e risposte, entrarono insieme nella casuccia. E lì, senza sospendere i discorsi, l’amico si mise in faccende per fare un po’ d’onore a Renzo, come si poteva così all’improvviso e in quel tempo. Mise l’acqua al fuoco, e cominciò a far la polenta; ma cedé poi il matterello a Renzo, perché la dimenasse; e se n’andò dicendo: “ son rimasto solo; ma! son rimasto solo!”

Tornò con un piccol secchio di latte, con un po’ di carne secca,


I promessi sposi 412.jpg


con un paio di raveggioli, con fichi e pesche; e posato il tutto, scodellata la polenta sulla tafferìa, si misero insieme a tavola, ringraziandosi scambievolmente, l’uno della visita, l’altro del ricevimento. E, dopo un’assenza di forse due anni, si trovarono a un tratto molto più amici di quello che avesser mai saputo d’essere nel tempo che