Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/358

352 I PROMESSI SPOSI


“ Ma...? ” disse il frate, alzando le spalle, e ritirando nel cappuccio la testa rasa.

“ Dov’è andato? ”

“ A Rimini. ”

“A? ”

“ A Rimini. ”

“ Dov’è questo paese? ”

“ Eh eh eh! ” rispose il frate, trinciando verticalmente l’aria con la mano distesa, per significare una gran distanza.


I promessi sposi 239.jpg


“ Oh povera me! Ma perchè è andato via così all’improvviso? ”

“ Perchè ha voluto così il padre provinciale. ”

“ E perchè mandarlo via? che faceva tanto bene qui? Oh Signore! ”

“ Se i superiori dovessero render conto degli ordini che dànno, dove sarebbe l’ubbidienza, la mia donna? ”

“ Sì; ma questa e la mia rovina. ”

“ Sapete cosa sarà? Sarà che a Rimini avranno avuto bisogno d’un buon predicatore (ce n’abbiamo per tutto; ma alle volte ci vuol