Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/304

298 I PROMESSI SPOSI


Allo spuntar del giorno, Renzo russava da circa sett’ore, ed era ancora, poveretto! sul più bello, quando due forti scosse alle braccia, e una voce che dappiè del letto gridava : “ Lorenzo Tramaglino!, ” lo fecero riscotere. Si risentì, ritirò le braccia, aprì gli occhi a stento; e vide ritto appiè del letto un uomo vestito di nero, e due armati, uno di qua, uno di là del capezzale. E, tra la sorpresa, e il non esser desto bene, e la spranghetta di quel vino che sapete, rimase un momento come incantato; e credendo di sognare, e non piacendogli quel sogno, si dimenava, come per isvegliarsi affatto.

“ Ah! avete sentito una volta, Lorenzo Tramaglino? ” disse l’uomo dalla cappa nera, quel notaio medesimo della sera avanti. “ Animo dunque; levatevi, e venite con noi. ”

“ Lorenzo Tramaglino! ” disse Renzo Tramaglino: “ cosa vuol dir questo? Cosa volete da me? Chi v’ha detto il mio nome? ”

“ Meno ciarle, e fate presto, ” disse uno de’ birri che gli stavano a fianco, prendendogli di nuovo il braccio.

“ Ohe! che prepotenza è questa? ” gridò Renzo, ritirando il braccio. “ Oste! o l’oste! ”


I promessi sposi 208.jpg