Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/249


CAPITOLO XII. 243


Nella strada chiamata la Corsia de’ Servi, c’era, e c’è tuttavia un forno, che conserva lo stesso nome; nome che in toscano viene a dire il forno delle grucce, e in milanese è composto di parole così eteroclite, così bisbetiche, così salvatiche, che l’alfabeto della lingua non ha i segni per indicarne il suono 1. A quella parte s’avventò la gente. Quelli della bottega stavano interrogando il garzone tornato scarico, il quale, tutto sbigottito e abbaruffato, riferiva balbettando la sua trista avventura; quando si sente un calpestìo e un urlìo insieme; cresce e s’avvicina; compariscono i forieri della masnada.

Serra, serra; presto, presto: uno corre a chiedere aiuto al capitano di giustizia; gli altri chiudono in fretta la bottega, e appuntellano i battenti. La gente comincia a affollarsi di fuori, e a gridare: “ pane! pane! aprite! aprite! ”

Pochi momenti dopo, arriva il capitano di giustizia, con una scorta d’alabardieri. “ Largo, largo, figliuoli: a casa, a casa; fate luogo al


I promessi sposi 173.jpg


capitano di giustizia, ” grida lui e gli alabardieri. La gente, che non


  1. El prestin di scansc.