Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/113


CAPITOLO VI. 107


“ Qualcosa per aria c’è di sicuro: già me ne son potuto accorgere. Ma ora starò sull’intesa, e spero di scoprir tutto. Lasci fare a me. Mi tocca a vedere e a sentir cose...! cose di fuoco! Sono in una casa...! Ma io vorrei salvar l’anima mia. ”

“ Il Signore vi benedica! ” e, proferendo sottovoce queste parole, il frate mise la mano sul capo bianco del servitore, che, quantunque più vecchio di lui, gli stava curvo dinanzi, nell’attitudine d’un figliuolo.


I promessi sposi 091.jpg


“ Il Signore vi ricompenserà, ” proseguì il frate: “ non mancate di venir domani. ”

“ Verrò, ” rispose il servitore: “ ma lei vada via subito e... per amor del cielo... non mi nomini. ” Così dicendo, e guardando intorno, uscì, per l’altra parte dell’andito, in un salotto, che rispondeva nel cortile; e, visto il campo libero, chiamò fuori il buon frate, il volto del quale rispose a quell’ultima parola più chiaro che non avrebbe potuto fare qualunque protesta. Il servitore gli additò l’uscita; e il frate, senza dir altro, partì.