Apri il menu principale

I Nibelunghi 659

295Fatto avesse a pietà, salvi alla vita
Sarìano usciti volentieri. In quella
Terra degli Unni tal pietà non ebbero
Gl’infelici a trovar; però lor morte
Ei vendicâr con poderosa mano.
     300E dell’alba del dì lor fu di contro
Dato il saluto con feroce assalto,
E vennero però in distretta grave
I valorosi. Giavellotti assai
A lor di contro fûr scagliati, e forti
305Erano, ed elli, ardimentosi e grandi,
Si difendean quai cavalieri. Intanto,
D’Ètzel ne’ famigliari ardir destossi,
Ch’elli voleano i doni, in lor servigi,
Di Kriemhilde mertar. Volean pur anco
310Tanto eseguir quanto lor prence impose,
E molte file di gagliardi intanto
Vedean la morte. E puossi ancor dei doni
Dir meraviglie, ancor delle impromesse,
Chè la regina su le targhe l’oro
315Fe’ cenno di recar, l’oro lucente,
E a chi ne disïava, a chi toccarne