Apri il menu principale
618 I Nibelunghi

     E pace e tregua, Giselhèr rispose
Della burgundia terra, a voi sian note
275Da parte nostra, poi che siete voi
Fermi in la vostra fè coi vostri prodi.
Di qui pertanto con gli amici vostri
V’è dato uscir senza corruccio e offesa.
     Prence Rüedgèr come sgombrò la sala,
280Cinquecento, anche più, fra gli altri tutti
Lui seguitâr, fra quei di Bechelara,
Amici suoi, guerrieri suoi. Gran danno
S’ebbe da questi poi prence Gunthero.
     Or poichè tal degli Unni uscir vedea
285Ètzel presso a Dietrico, ei di cotesto
Anche volle goder.1 Ma gli diè colpo
Il menestrello, che ne giacque il capo
Ratto a piè d’Ètzel prence. Oh! come uscìa
Da quella casa l’ospite signore
290Di quella terra, a dietro ei si voltava

  1. Un guerriero degli Unni, vedendo uscire Etzel, voleva approfittare di questa occasione per uscire con Etzel e involarsi alla strage.