Apri il menu principale

Pagina:I Nibelunghi, Hoepli, 1889, II.djvu/243

602 I Nibeluunghi

Sì gli avventâr contro l’ampio suo scudo,
Che via di mano, per il peso grave,
145Egli ’l dovè lasciar cadere. Allora
Si pensâr quelli, poi che in man lo scudo
Più non avea, d’opprimerlo vicendo;
Ma deh! quante assestò traverso agli elmi
Profonde piaghe il valoroso! Molti
150Ardimentosi innanzi a’ piedi suoi
Dovettero cader. Però vi ottenne
Grande onore d’assai Dancwarto ardito.
     E quelli intanto contro a lui, da questa
E quella parte, s’avventâr; ma corse
155Troppo presto davver d’essi qualcuno
A la battaglia. Innanzi da’ nemici
Egli balzava come alla foresta
Un verro innanzi da’ segugi. Oh! come
Andar potea colui più ardimentoso?
160Ma rinfrescato per il sangue e molle
Per lui la via si fea. Di miglior guisa
Mai non potea gagliardo cavaliero
Co’ suoi nemici sostener la pugna
Ch’ei davvero non fe’. D’Ètzel fu visto