Apri il menu principale
242 I Nibelunghi

Che così lieta in la Burgundia terra
Donna Kriemhilde non avesse donna
60Brünhilde un giorno accolta. A chi non vide
In pria cotesto, si fe’ noto allora
Che fosse d’allegrezza un nobil senso.
     Anche venuto co’ gagliardi suoi
Era prence Sifrido. E furon visti
65Andarne qua e colà, da tutte parti
Del campo, i prodi, con lor schiere molte
Ed infinite, onde evitar nessuno
Potea la polve e l’accalcarsi. Ratto
Che l’ospite regal Sifrido scorse
70E con lui Sigemundo, oh! favellando
Quanto affetto mostrò! Deh! che voi siete
A me, dicea, li benvenuti assai
E a questi amici miei! Fieri e superbi
Saremo noi per che veniste in corte!
     75Sigmundo, l’uom che avea l’onore in cura,
Rispose: Iddio vi ricompensi intanto!
Dal giorno che Sifrido, il figlio mio,
Voi per amici s’acquistò, pensava
Sempre l’anima mia ch’io vi dovessi