Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/9


di guittone d'arezzo 5


e che valor v’accresce in allegranza.
De tale disianza
non piaccia a Deo ch’io mai possa movere.
     Per tutto ciò non servo,
65né porea mai servir, l’onor né ’l bene,
che per voi fatto m’ene;
ché troppo è segno d’amoroso amore
far lo signor del servo
su’ par; ed è ben cosa che non mai
70pot’om mertare assai.
Donque como de merto avrò onore?
Ché sí como l’Autore
pon, ch’amistá di core
è voler de concordia e desvolere,
75faite voi me, ché zo volete ch’eo.
Ma bon conforto m’ene
che, con piú alto tene
segnor suo servo, piú li po valere;
ché non po l’om capere
80sol per servire en la magion de Deo,
sí como sento e veo;
ma bona fede e gran voglia en piò fare
l’aiuta e ’l fa poggiare,
ché voglia e fe tal Di’ ha fatto valere.
     85Eo non posso apagare
a dir, donna, de voi l’animo meo;
ché, se m’aiuti Deo,
quanto piú dico, piú talento dire;
e non po dimostrare
90la lingua mea com’è vostro lo core:
per poco non ven fore
a direve lo so coral desire.
Ed a ciò che ’n servire
potesse devenire
95en quale loco piò fosse maggiore,
vorrea che l’amistá nostra de fatto