Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/45


di guittone d'arezzo 41


55e prender pregio e prode;
e sí detto è l’om prode.
     Ser Orlando da Chiuse,
in cui giá mai non pose
perduta disconforto,
60se ’l tempo è stato torto,
par che dirizzi aguale;
per che parrá chi vale.

XIX

Grido accorato di guelfo, dopo Montaperti.


Ahi lasso, or è stagion de doler tanto
a ciascun om che ben ama Ragione,
ch’eo meraviglio u’ trova guerigione,
che morto no l’ha giá corrotto e pianto,
     5vedendo l’alta Fior sempre granata
e l’onorato antico uso romano
ca certo pèr, crudel forte e villano,
s’avaccio ella no è ricoverata:
     ché l’onorata sua ricca grandezza
10e ’l pregio quasi è giá tutto perito
e lo valor e ’l poder si desvia.
Ohi lasso, or quale dia
fu mai tanto crudel dannaggio audito?
Deo, com’hailo sofrito,
15deritto pèra e torto entri ’n altezza?
     Altezza tanta êlla sfiorata Fiore
fo, mentre ver’se stessa era leale,
che ritenëa modo imperïale,
acquistando per suo alto valore
20provinci’ e terre, press’o e lunge, mante;
e sembrava che far volesse impero,