Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/266

262 sonetti ascetici e morali

229

Umiltá lo intimorisce nel dir le lodi che vorrebbe.


     Vogl’e ragion mi convit’e rechere
in voi laudar, valente e car valore;
ma picciul mio e gran vostro savere
4e troppo umilitá mi fa temore.
     Lo picciul meo è non bene accompiere,
o’ la ragion de vostro orrato onore;
vostro grand’è, ch’omo saggial d’odere:
8chi lauda in faccia lo fragella in core.
     E umiltá, cui è propio biasmare
e vil tener lo suo posseditore,
11sí come vil alt’om caro stimare,
     temo vi metta laude in disamore;
perch’io mi taccio e vi lasso laudare
14a quel sommo etternal ben laudatore.

230

A Meo Abbracciavacca, per rallegrarsi del suo ritorno.


     Lo nom’al vero fatt’ha parentado:
le vacche par che t’abbian abracciato,
over che t’han le streg’amaliato,
4tanto da lunga se’ partit’o’ vado.
     Zara dirieto m’ha gittato ’l dado:
ciò non serea se l’avesse grappato.
Allegro son, tu Meo che se’ tornato;
8se pelegrin fusti, ciò m’è a grado.
     Non, credo, nato fusti da Pistoia,
ma da Pistoia fu la tua venuta,
11sí tardo movimento far ti sento.
     Natura ten’pur di mulin da vento:
nun loco mostra sempre tua paruta;
14chi sol è a sé, non vive senza noia.