Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/232

228 sonetti ascetici e morali

D’altra parte pensero, affanno e pena,
superbia, cupidezza, envidia e ira
13e ciascun vizio a sua guisa vo mena.
     Lo non poder di voi v’affrena e gira,
poder di vostro aversar v’incatena:
16ben fa ciascun se ben su’ stato mira.

162

La rampogna, non la lusinga, conduce a salvezza.


     Miri, miri catuno, a cui bisogna,
e col suo bon saver reggiase dritto,
e non giá prenda, né tegna a rampogna,
4ciò ch’è, de proprio, a sua salute scritto.
     Ami nel drappo suo cardo, e no sugna:
cardar’è aunto ov’ha palmar trafitto.
Se losenghieri e auro e amici islogna,
pregi poi poco lo podere e ’l fitto;
dico che quanto el di montar più pugna
10maggiormente è nel basso e dietro affitto.
     Ché se poder fa soldo e voler livra,
perché meno si paga ove più acquista,
13ma’ gaude el mondo e Dio chi, segnor saggio,
     che de sua guerra e d’altrui si delivra,
soi vizi aspegne e sua vertù avvista,
16ha de sé e del suo lo segnoraggio.

163

Si lamenta d’essere stato ribelle a Dio.


     Ahi, che villano e che folle follore
fue ribellarmete, benigno Dio!
Or no, lasso, sacc’eo che creatore
4e salvator e redentor se’ mio?