Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/225


di frate guittone d'arezzo 221

152

Serbar castitá è pregio particolarmente delle giovani donne.


     O voi, giovane donne, o misagiate,
o voi non maritate,
che pregio a castitá faite, amore,
onore, prode e gioi per tutte fiate
5vi doni ad ubertate
el dibonaire bon nostro Signore.
     Ché castitate ben voi sole orrate,
ché donne maritate,
non gioven donne, da riccore
10non portan giá d’onor gran quantitate
in servar castitate.
Vil pregio è vincer vil combattitore.
     Ma quale offende quanto è da pregiare
amo certo celare.
15Ahi, como po non giovan donna ardire
carnal voglia seguire,
vedendo tante e tai gioven guardare?
     A donna maritata om che po dire,
se la vede fallire,
20e caste molte for marito stare?
Ricca quanto dispare
con pover pure in casto e bon plasire!

153

Chi non si sottometterebbe a nessuno, si fa schiavo di vii femmina!.


     O motto vile e di vil cor messaggio,
d’onni vertù salvaggio,
e d’onni brevileggio e pregio umano,
dir omo a donna: — io son tuo servo, e aggio
5sí stretto in te coraggio,
more, se, per mercé, no fai el sano!