Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/22

18 canzoni d'amore


e, lontan stando doe amiche persone,
20e avendo isconforto
de ciò ch’è loro apporto,
ed agio e cagion de fallire
e d’altra parte gioire,
se par coraggio di perfetto amore;
25ché vile e fellon core
tosto baratto face,
ma lo puro e verace
allora monta e affina en suo valore.
     Fede e speranza aggiate, amore meo,
30ché ’n amar voi sempr’eo cresco e megliuro:
così v’ho ’l core e ’l senno e ’l voler puro,
che ’n obrianza ho meve stesso e Deo.
Voi mi Deo sete e mia vita e mia morte:
ché, s’eo so en terra o ’n mare
35in periglioso affare,
voi chiamo, com’altri fa Deo,
tantosto liber mi veo.
Mia vita sete ben, dolze amor, poi
sol mi pasco de voi;
40e mia morte anco sete,
ché, s’amar me sdicete,
un giorno in vita star mi fora forte.
     Adonque, dolze amor, viso m’è bene
che bon conforto de’ porger fra noi,
45ciò, ch’eo posso onne ben sperar de voi,
e voi, secondo el parer meo, de mene:
ed anco ciò, che valoroso core
non si mostra a savere
sofrir gioia e piacere,
50ma noia assai, quando aporta,
o’ vil cor perde e sconforta.
E perché ’n aquistare affanno? Eo veglio
solo per poder meglio
vostro servigio fare