Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/135


di guittone d'arezzo 131


200alma e Dio defendendo,
pregio e amor reggendo,
e degnitá d’umanitate e nome
non pugni? Acerbe pome,
misero, fugge, e non venen, gustando.

XLIX

Esortazioni alle donne.


     Altra fiata aggio giá, donne, parlato
a defensione vostra ed a piacere;
ed anco in disamore aggio tacere,
ove dir possa cosa in vostro grato;
5ché troppo ho di voi, lasso, indebitato
non vostro merto giá, ma mia mattezza.
Onta conto e gravezza
onor tutto e piacer che di voi presi.
Non che ’l dico vo pesi;
10ma debitor son voi, ché fabricate
ho rete mante e lacci a voi lacciando:
di che merzé domando,
e prego vi guardiate ad onne laccio
ed a li miei più avaccio;
15ed io v’aiuterò com’io v’offesi,
se libere star, più che lacciarvi, amate.
     Donne, per donna, e donna e omo foe
sbandeggiato, deserto e messo a morte;
e donna poi fedel, benigna e forte
20parturio noi campion, che ne salvoe.
Unde donna, per este ragion doe,
e vizio in ira e bonitá in piacere
dea, via più d’omo, avere:
vizio odiar per Eva, vergognare
25de lei, per lei mendare,