Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/13


di guittone d'arezzo 9


20non date lor podere,
se non vedete como
se po tenere l’omo — de non sguardare
lá ’ve natura agenza
tutta dolze piacenza — for mancare.
     25Mancare non poria,
se lo pensaste bene,
de voi gran cortesia;
sí cessaria di pene
eo che son vostro amante;
30ed alcun om dottante — non saria
de voi sguardar, ché vago,
ché solo per ciò pago — viveria.
     Viveria in maggio gioia
che null’om, donna altera,
35solo che senza noia
la vostra dolce cera,
sempre ch’eo la sguardasse,
enver me s’allegrasse, — e pago fora;
ma sia ’n vostro piacere
40ch’eo torni in meo podere — senza dimora.

IV

Si lamenta dell’orgoglio della donna e chiede d’esser rimeritato del suo servire.


     Ahi, bona donna, che è devenuto
lo compiuto — savere
e l’altera potenza
de vostra conoscenza, — ch’or non pare?
5Orgoglio e villania l’ave conquisa
e misa — a non valere;
ch’è, lasso, gran pietanza,
che me fa in doloranza — adimorare: