Pagina:Guido Carocci I dintorni di Firenze 01.djvu/7


AI LETTORI



La mancanza assoluta di una guida o di qualsiasi altro lavoro moderno di carattere generale che sostituendosi all’opera troppo limitata ed incompleta del Canonico Moreni, comparsa nel 1791, illustrasse nei rapporti della storia e dell’arte le campagne, che popolate di paesi, di chiese, di ville fanno lieta corona a Firenze, m’indusse a pubblicare nel 1875 un libro che in qualche modo riempisse la deplorata lacuna. Per questo, molto più che per il suo valore, quel mio primo lavoro, sommario ed affrettato, ottenne lieto favore, sicchè nel 1881 dovetti pubblicare una nuova Guida più estesa e più ricca di notizie e di particolari che ha già avuto quattro edizioni successive. Ora, anche l’ultima edizione è pressochè esaurita ed invece di darne alle stampe un’altra, ho stimato fosse miglior cosa modificare ed ampliare nuovamente quel mio lavoro. Parecchi anni sono passati dal 1881 ed in questo periodo abbastanza lungo di tempo, in cui anche la città nostra ha acquistato un rapido ed efficace incremento, molte cose sono mutate. Il nuovo ordinamento della cinta daziaria, l’apertura di strade, le demolizioni e le nuove costruzioni, le trasforma-