Pagina:Guido Carocci, Il ghetto di Firenze.djvu/6








PROPRIETÀ LETTERARIA