Pagina:Guglielminetti - Le seduzioni - Le vergini folli, Torino, Lattes, 1921.djvu/22


xvi


sono impudichi, la nostra vita è pura — ; poiché l'opera d’arte dev’essere accettata o respinta com’opera d’arte, e non malignamente travisata in un documento autobiografico.

Essa è ben degna di riconoscere se medesima e di percorrere la sua via.

G. A. Borgese.


Da «La Vita, e il Libro». Editore Bocca. Torino.