Apri il menu principale

Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 1, 1910 - BEIC 1837632.djvu/122

116 memorie inutili

possedere del danaro per quelle vie che a Venezia si chiamano «stocchi», e per avere un modo di giustificare con un buon pretesto le alienazioni de’ fideicommissi.

Rifletteva che una bistorta condotta, anche non colpevole di malizia, riduce a’ bisogni istantanei e alle angustie, e che questi bisogni e queste angustie costringevano ciecamente a de’ ripieghi i quali non fanno che accrescere le necessità.

Incolpava soltanto il destino, che dal tempo della morte dell’avolo mio paterno, il quale aveva lasciato un bel patrimonio e una giovane moglie vedova con un fanciulletto e una fanciulletta, sino a’ giorni mesti ch’io noto qui sopra, l’amministrazione delle rendite e de’ capitali fosse passata successivamente per le mani muliebri e per un vortice d’irregolarità rovinose.

Proccurai che mio fratello Francesco, ch’era a Corfú, avesse un ragguaglio sincero e diligente delle circostanze della famiglia.

Entro ora nel pelago delle mie maggiori disavventure.