Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/480

474 ATTO TERZO

Lissandro. E ela l’r ha fatto el so ballo.... Deghe el so tabarro e la so bauta. (alla scena)

Zanetto. E mi resto senza muggier!

Lissandro. E cussì!

Zanetto. E anca... I me manderà via senza cena?

Tonina. Sior no, sior no, poveretto, che el resta. (a Gasparo)

Gasparo. Cossa disela, sior Raimondo?1

Zanetto. Grazie, cenemo, ballemo, divertimose, e no ghe vôia più pensar.

Tonina. Oe putti, cossa feu? Vegnì avanti. Aveu perso le parole? (a Bortolo e Cattina)

Bortolo. Son confuso, tra l’allegrezza, la contentezza, e el rimorso de qualche busia che ho ditto, e la confusion che i m’abbia cussì ben perdonà.

Tonina. Bravo! e vu, fia? (a Cattino)

Cattina. Mi, siora... ghe digo... che me sento... In verità no so cossa dir.

Tonina. Siori; no la pol dir gnente, ma la dise assae. No la gh’ha fiàb de parlar, perchè el so spirito xe impiega a consolar el so cuor. Lassemo che la se remetta in forza, e dopo del so incantesmo, succederà l’allegria. Intanto divertimose, ballemo e po andaremo a cenar. Ma prima che se torna a ballar, permetteme che diga quattro parole a chi sec convien.

          Siori, i nostri chiassetti xe fenii;
          Se ve sè divertii,
          Tanto meggio per nu. Ma per saverlo
          Come mai se pol far? Sì, benedetto
          L’uso sia de Venezia. Se in Teatro
          Qualcossetta ghe xe che dà diletto,
          Colle man e coi piè se fa chiassetto.
 Segue la contradanza.

Fine della Commedia.


  1. Non ci voglio.
  2. Fiato, respiro.
  3. Si.
  1. Manca la risposta di sior Raimondo.