Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/479


Raimondo. E mi son qua per dirgh, che mi fiola l’ è promessa, e che dman la sarà maridà.

Zanetto. Con chi, patron ?

Raimondo. Con un galantom che merita la mi stima, e che abbrazz com zener, e com mi noi. (/o abbraccia. Bortolo abbraccia Raimondo) teneramente, senza parlare ; Cattino piange forte di consolazione.

Zanetto. Sangue de mi ! cospetto de mi ! No la posso tegnir.

Tonina. Ma come xela stada ? Contème. (a Tlaimondo)

Raimondo. La sgnora Cecilia ve la conterà lì. Mi an ve poss dir gnent ; v’assicur che son fora de mi da la consolazion.

Lissandro. Orsù, za che la cossa xe andada ben, qua bisogna cavarse la maschera, e dir le cosse come che le xe. Sta barca r ho menada mi, e la xe arrivada a bon porto. Xe vero che sior Gasparo ha paga el nolo, ma el xe un galantomo, el xe bon amigo. Col vegnirà ^’^ ghe domanderemo scusa, e con sette zecchini de la so moneda el sugherà sta lissia (a).

Gasparo. (Si leva la maschera) Bravo, compare Lissandro !

Lissandro. (Un poco confuso) Com’ èia ? Ve ne aveu per mal ?

Gasparo. Niente, compare. Semo amici, e saremo amici.

Lissandro. E la mia roba ? I mi scrignelti li gh’ aveu vu ?

Gasparo. 1 vostri scrignetti i xe in bone man. Ande da l’ osto qua vesin. Deghe sette zecchini del disnar de stamattina, e el ve darà pontualmente la vostra roba, e mi ve dago de soravia (i) la cena de stassera, el festin e la vostra chiave del saggiaor (e). (gli dà la chiave)

Tutti. Bravo, bravo, (a Gasparo, e danno la battarella a Lissandro)

Lissandro. Gh’avè rason. Compatì un chiassetto de carneval. Pagherò volentiera i sette zecchini per la consolazion che sto tal accidente abbia prodotto la consolazion de sti do zoveni innamorai.

Zanetto. e mi ? (a) Darà fine a questa faccenda (2). (b) Di soprapiù. (e) Saggiaor, saliscendi. (I) Quand’ egli vena ecc. (2) Propriamente 3/ caoerà e/’ /mpacc/o (v. Boerio) ; e lette- ralmente significa asciugherà questo bucalo.