Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/479


CHI LA FA L'ASPETTA 473

Raimondo. E mi son qua per dirgh, che mi fiola l’è promessa, e che dman la sarà maridà.

Zanetto. Con chi, patron?

Raimondo. Con un galantom che merita la mi stima, e che abbrazz com zener, e com mi fiol. (lo abbraccia. Bortolo abbraccia Raimondo teneramente, senza parlare; Cattina piange forte di consolazione.)

Zanetto. Sangue de mi! cospetto de mi! No la posso tegnir.

Tonina. Ma come xela stada? Contème. (a Raimondo)

Raimondo. La sgnora Cecilia ve la conterà lì. Mi an ve poss dir gnent; v’assicur che son fora de mi da la consolazion.

Lissandro. Orsù, za che la cossa xe andada ben, qua bisogna cavarse la maschera, e dir le cosse come che le xe. Sta barca l’ho menada mi, e la xe arrivada a bon porto. Xe vero che sior Gasparo ha pagà el nolo, ma el xe un galantomo, el xe bon amigo. Col vegnirà1 ghe domanderemo scusa, e con sette zecchini de la so moneda el sugherà sta lissiaa .

Gasparo. (Si leva la maschera) Bravo, compare Lissandro!

Lissandro. (Un poco confuso) Com’èla? Ve ne aveu per mal?

Gasparo. Niente, compare. Semo amici, e saremo amici.

Lissandro. E la mia roba? I mi scrignetti li gh’aveu vu?

Gasparo. I vostri scrignetti i xe in bone man. Andè da l’osto qua vesin. Deghe sette zecchini del disnar de stamattina, e el ve darà pontualmente la vostra roba, e mi ve dago de soraviab la cena de stassera, el festin e la vostra chiave del saggiaorc. (gli dà la chiave)

Tutti. Bravo, bravo. (a Gasparo, e danno la battarella a Lissandro)

Lissandro. Gh’avè rason. Compatì un chiassetto de carneval. Pagherò volentiera i sette zecchini per la consolazion che sto tal accidente abbia prodotto la consolazion de sti do zoveni innamorai.

Zanetto. E mi?

  1. Darà fine a questa faccenda2.
  2. Di soprapiù.
  3. Saggiaor, saliscendi.
  1. Quand’egli verrà ecc.
  2. Propriamente si caverà d’impaccio (v. Boerio); e letteralmente significa asciugherà questo bucato.