Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/478


Lucietta. Farò quel poco che so. (Finito il minuetto, tulli applaudiscono. Zanetto si pavoneggia.)

Lissandro. Animo, una furlana, (prende Lucietta. Sonatori suonano,) Lissandro e Lucietta ballano la furlana.

SCENA ULTIMA.

Tutti. Cecilia avanti, poi si vedono Cattina e Bortolo che si ten- gono per mano, e Cattina 5/ asciuga gli occhi col fazzoletto ; ultimo viene RAIMONDO.

Cecilia. Bravi, bravi. Evviva chi balla... Cossa fastu qua ti ? (a Lucietta)

Lucietta. E1 xe vegnù a torme, el m’ ha dito che la lo saveva. (a Cecilia, mortificala)

Cecilia. Chi v’ ha dà sta libertà, sior, che andè a casa da mi e che mene con vu la mia serva ? (a Zanetto)

Zanetto. Se l’ho fatto, l’ho fatto con le mie razon^’’. Dov’ èlo sior Raimondo ?

Raimondo. A son qua mi, per obbedirla.

Zanetto. E la crede che mi sia maridà ?

Raimondo. Un galantom ne doverav (^^ mentir.)

Zanetto. La gh’ ha rason, ma no xe vero gnente.

Tonina. Oh che zavaggi (a). Oh che polacchi (^) ! E ella, siora Cecilia, perchè lassela che so mario tegna per man co sta confidenza la fìa de sior Raimondo ?

Cecilia. Vorla saver el perchè ? Perchè sior Bortolo ancuo xe sta mio mario, e doman el sarà mario de siora Cattina.

Tonina. Com’ èlo sto negozio ? (con allegria)

Zanetto. No xe vero gnente, no i sa cossa che i se diga. E mi son qua per domandarghela a sior Raimondo. (a) Imbrogli. (I) Nell’ed. Zatta qui è più sotto è stampalo rason. (2) In dialetto bolognese: an etereo. (3) Polacctiio propriamente significa imhrallo : v. Patriarchi e Boerio.