Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/477


CHI LA FA L'ASPETTA 471

SCENA XIV.
Lucietta in maschera, col volto sul cappello, e con la bautta mal messa; Riosa e detti.

Riosa. La varda, ghe xe qua sta signora in maschera... (introducendola)

Zanetto. (Corre a prender Lucietta) Le me permetta che abbia l’onor de presentarghe....

Lissandro. La so signora consorte. (a Zanetto, ridendo)

Zanetto. No... (si guarda intorno se vede Cecilia o altri) La massera de Siora Cecilia. (sottoooce. Gasparo e Tonino non possono lasciar di ridere)

Lissandro. Cossa gh’oio dito? (a Gasparo e Tonino)

Riosa. (Siestu maledìa! Varè che sporca? E mi ancora gh’ho fatto tante cerimonie!)

Lucietta. No la ghe xe la patrona? (a Zanetto)

Zanetto. Via, fe el vostro debito, e ringrazieli. (a Lucietta)

Lucietta. Patroni. (fa una riverenza sgarbata) Grazie tanto1. No avemio disnà qua stamattina? (a Zanetto)

Zanetto. Certo; no v’arecordè?

Lucietta. Ceneremio anca?

Riosa. (La vegna, lustrissima, la vegna in cusina che ghe faremo una polentina). (si ritira un poco per rispetto dei patroni)

Zanetto. Me permettela? (a Tonino)

Tonina. Via, per un minuetto la se comoda.

Zanetto. Sonadori, sonemelo bello e longo2 Favorissela? (a Tonina)

Tonina. No dasseno, mi no ballo. Perchè no ballelo co la so maschera?

Zanetto. La gh’ha rason. Son qua; animo3 un menuetto gaggiardo. (a Lucietta)

Lucietta. Oh mi no, sior...

Zanetto. Anemo, anemo, digo.

Lucietta. Se no ghe ne so.

Tonina. Via, da brava. (a Lucietta)

Lissandro. Feve coraggio. (a Lucietta)

  1. Probabilmente è da leggersi tante.
  2. Zatta: lungo.
  3. Forse è da leggero anemo.