Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/476

470 ATTO TERZO


Tonina. Siora maschera, cossa diseu? (a Gasparo, fremendo)

Lissandro. Xelo el patron della festa? (a Tonina)

Tonina. Sior sì, sior sì; el xe el patron. (a Lissandro)

Lissandro. Signor, no la se metta in sospetto de gnente, perchè i xe tutti galantomeni, persone oneste; la xe una burla, e no gh’è gnente de mal. (a Gasparo, ridendo)

Gasparo. (Fa cenno che domandi permissione a Tonina.)

Lissandro. Siora Tonina, se contentela che le vegna ste maschere? (a Tonina)

Tonina. Dove xele? (a Lissandro)

Lissandro. In portego.

Tonina. Chi le ha fatte intrar?

Lissandro. Gh’ho averto mi, veramente.

Tonina. Chi va dà sti ordini, sior?

SCENA XIII.
Zanetto e detti, poi Riosa.

Zanetto. (Senza volto, e colla bautta sotto la gola, correndo innanzi, dice) Vedendo che le s’ha desmentegà de un so umilissimo servitor, me son tolto la libertà de rassegnarghe el mio gran rispetto, e de supplicarle della so devotissima tolleranza.

Tonina. Bracket left 2.png (si guardano l'uno l'attro, e non ponno far a meno di ridere
Gasparo.

Lissandro. Lassèlo andar via, se ve basta l’anemo. (a Gasparo)

Zanetto. Se le me permette...

Riosa. Siora Cattina. (chiamandola)

Cattina. Me chiameli? (a Riosa, alzandosi con ansietà)

Riosa. I la chiama in tinello. (parte)

Cattina. Vegno, vegno; co so bona grazia, (a Tonina, correndo)

Zanetto. Dove vala? Dove vala? (a Cattina, andandole dietro)

Cattina. Cossa vorlo saver? Che el me lassa star. (Oh co i me chiama, xe bon segno) (da sè, parte)

Zanetto. Se le me permette, me cavo zo. (si cava il tabarro e bautta, si guarda l’abito, e si pavoneggia)