Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/473


Tonina. Sì ben, sappieme dir.

Cecilia. Oe, no ghe de miga el tabarro e la bauta, vede, (alla scena)

Lissandro. No la se indubita, che adesso no vago via gnanca se i me bastona. (in alto di partire)

Riosa. Oh el diga, faroggio anca mi una furlana ? (a Lissandro)

Lissandro. Sì ben, la fare con mi. (a Riosa, e parte)

Riosa. Oh che caro matto ch’ el xe ! (parte)

Tonina. (Si alza, e corre da Gasparo) Che VOggia che ve xe vegnù de far sta chiassana ’ ’ ’.

Gasparo. Senteve qua, che ve conterò. (piarìo)

Raimondo. (Vorrebbe levarsi.)

Tonina. No, no, che noi se incomoda. (a Rainìondo)

Gasparo. Qua, qua, ch’ el senta anca elo. (sono tutti tre a sedere) vicini, parlano piano, e ridono.

Cecilia. E cussi, cossa penseu de far ? (a Bortolo, che senta anca) Cattino, ma sottovoce.

Bortolo. Cossa me conseggieu ?

Cecilia. Mi ve digo cussi, che se tiremo de longo, ghe va della vostra, e della mia reputazion.

Cattina. Voravela che andasse via ? (a Cecilia, con passione)

Cecilia. No digo questo, ma qualcossa bisogna far: perchè no ghe parleu a sior Raimondo ? (o Bortolo)

Bortolo. No so cossa far. Sia maledio co (a) ho fìnto da esser maridà.

Cecilia. Voleu che ghe parla mi ?

Bortolo. Magari !

Cattina. Oh sì, cara ella.

Cecilia. Mo za bisognerà che m’ espona mi.

Bortolo. Via, cossa voleu far ? Per el vostro povero fradello.

Cecilia. Oh putti senza giudizio ! (si alza) Ma mi son stada una matta, (da sè, camminando) Sior Raimondo.

Raimondo. Sgnora (i). (a) Co, quando, (b) Sgnora, signora. (I) Chiassata, festa o anche burla cliiasSDsa.