Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/471


CHI LA FA L'ASPETTA 465

Lissandro. Oh via, no femo chiaccole.

Cecilia. Oh, se no me de el tabarro e la bauta, no ghavè el cappello.

Lissandro. Eh sangue de diana! Che la sia come esser se voggia. Ghe semo, stemoghe, animo. (si cava il tabarro e la bautta) La toga, la me daga el cappello, e divertimose, e ballemo, che ballerò anca mi.

Cecilia. Bravo! Cussi me piase. (gli dà il cappello, prende la bautta e il tabarro, e lo dà alla scena.)

Tonina. (Dopo aver fatto il giro delle maschere, arriva vicina a Gasparo) E cussì, siora maschera, se pol saver...

Gasparo. (Ride.)

Tonina. Oh siestu malignazzo!1 Adesso ho capio. (lo conosce) Senza dirme gnente! (piano a Gasparo)

Gasparo. Tasè; no disè gnente a Lissandro. (piano a Tonina)

Tonina. Patroni, adesso ho savesto tutto. (alla compagnia) Mio mario, senza dirme gnente, l’ha imprestà el portego a questi che ne sta dessora2, e i xe qua tra de lori che i se diverte in fameggia.

Cecilia. Se péttelaa . (a Tonino)

Tonina. La tasa che ghe conterò. (piano a Cecilia, urtandola)

Lissandro. E nol gh’ha dito gnente sior Gasparo? (a Tonino)

Tonina. Cossa diseu? Nol m’ha dito gnente. Ma col vien a casa, el me sentirà. (affettando d’esser in collera)

Lissandro. (Vorave squasi che nol vegnisse). (da sè)

Raimondo. Anim, Catterina, andem. (risoluto)

Cattina. Sia malignazzo! (mortificata)

Tonina. La vuol andar via? (si accosta pian piano a Raimondo)

Raimondo. An vui4 ch’resta qua la mi fiola con de la zent ch’an se cognoss.

Tonina. (La tasa, che la xe una burla de mio mario). (piano a Raimondo)

  1. Frase bassa, il di cui significato è: V'immaginate che lo crediamo3.
  1. Letteralmente significa Sii maledetto!, ma si dice bonariamente, scherzando. Vedi vol. XVIII, p. 390, n. g.
  2. Di sopra.
  3. Interrogativo. Manca nel Boerio.
  4. Nell’ed. Zatta è stampato An uvì; e lo stesso strano errore si ripete nelle altre edizioni. Nel dialetto bolognese si direbbe propriamente: An vòi. Anche il prof. Landozzi nella sua traduzione italiana (Florilegio drammatico, n. 676: vedi Nota storica) interpreta: Non voglio.