Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/467


CHI LA FA L'ASPETTA 461

SCENA VII.
Cecilia, Bortolo e detti.

Cecilia. Amici.

Tonina. Chi domandeli?

Cecilia. No la me cognosse, siora Tonina?

Tonina. Me par, e no me par.

Lissandro. (Se podesse sbrigarmela!) (tenta di andarsene, ma gli altri restano verso la porta, e Tonina sta attenta, e chiude.)

Bortolo. Semo boni amici de sior Gasparo, e semo pieni d’obbligazion.

Cecilia. Certo: no gh’ha bastà favorirne sta mattina, el vuol che godemo le so grazie anca stassera.

Tonina. Oh cossa disela? L’onor, semo nu che lo ricevemo.

Lissandro. (Sieu maledetti! Se moverali de là una volta?) (da sè)

Tonina. (Te cognosso, ma no ti va via) (da sè, accennando Lissandro) La favorissa, no xela sior Bortolo ela?

Bortolo. Per servirla.

Tonina. E sta signora me par de conoscerla...

Bortolo. La xe mia muggier.

Tonina. Ah so consorte la xe! E mi delle altre volte che ho avuda la fortuna de vederla, l’ho sempre credesta so sorella.

Cecilia. Dasseno! (un poco confusa) (Sentìu in che impegni che me mettè? Oh stassera no vado via de qua, se la cossa no xe dichiarada). (piano a Bortolo) Sior Lissandro, patron. (scoprendolo nel cuor del sudetto discorso, lo saluta grossamente)

Lissandro. Patrona reverita.

Tonina. Andemo de là, se le se contenta. (a Cecilia e a Bortolo)

Cecilia. Quel che la comanda. (rasserenandosi per non darsi a conoscere)

Lissandro. Me permettela? (a Tonina, per andarsene)

Tonina. Sior no. (a Lissandro)

Bortolo. La perdoni, no gh’ha da esser, me par, anca sior Raimondo? (a Tonina)

Tonina. Sior sì, el xe de là in tinello co la so putta.