Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/465


Tonina. No ve poderessi mai immaginar.

Lissandro. Mi no saverave. [con affettala curiosità

Tonina. Oe... Zitto che no i ne senta. Xe sta quela flemma malignala de sior Raimondo. (piano e ridendo)

Lissandro. Eh via!

Tonina. Cossa diseu ? Chi l’ averave dito ?

Lissandro. Lo sala de seguro?

Tonina. Oh no gh’è nissun dubbio. El xe sta elo che n’ha fatta sta burla. El n’ha fatto parecchiar sto disnar, sperando che ghe fussimo anca nu ; no l’ averà savesto dove trovarne, e adesso el se vergogna de dirlo. Sentì, sentì, el voleva buttarla sora de vu... (ridendo)

Lissandro. Sora de mi?....

Tonina. Figureve, mi che son dretta, l’ ho subito dito. Sior Lis- sandro, digo, che confidenza gh’ alo in casa mia de vegnirme a far sta insolenza ? Fina sior Raimondo, el xe mio santolo, el m’ ha visto putella, el xe un omo vecchio, el xe quel ch’ el xe, el se poi ter sta sorte de libertà. Ma sior Lissandro noi gh’ ha nissuna rason de vegnir in casa nostra co no ghe semo, le xe burle che a elo no ghe convien, el xe un omo civil, e no lo credo capace de far de ste male azion. Ah, cossa diseu? Oggio dito ben?

Lissandro. Pulito, pulito, (mortificato) E sior Raimondo coss’alo dito?

Tonina. Oe, no l’ha savesto cossa dir. El s’ha imutìo ^’^. L’ha tasesto, e chi tase conferma.

Lissandro. Brava, brava, da galantomo. (ridendo) (Fin adesso la) va ben. Nissun sa gnente de mi). (da sè, ridendo)

Tonina. (Ghe r ho piantada pulito a sto cortesan). (da sè, ridendo)

Lissandro. E sior Gasparo mo coss’ alo dito elo a proposito de sto disnar ?

Tonina. Oh, elo el l’ ha dito subito che sarà sta sior Raimondo. (I) Immutolito.