Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/464

458 ATTO TERZO

Tonina. Vardè che stramba! L’averà lassa ella la porta averta. (Se posso, me vôi divertir con sto cortesan). (da sè, e va a chiuder la porta1)

Lissandro. Xe mo che, per dirghe la verità, giera vegnù giusto per parlar con Riosa.

Tonina. Dasseno? Cossa voleu da ella?

Lissandro. Ghe dirò... Me sta sul cuor la mia roba, voleva domandarghe se a caso la l’avesse trovada, se la l’avesse messa via in qualche logo...

Tonina. Oh sior no, ve l’assicuro mi che no l’ha trova gnente. Se la l’avesse trovada, figureve, la me l’averave dito.

Lissandro. Bisogna donca che sior Gasparo l’abbia avuda elo.

Tonina. Via, via, no v’inquietè; se el la gh’averà elo, el ve la darà.

Lissandro. Noi xe gnancora vegnù sior Gasparo2?

Tonina. Gnancora.

Lissandro. (Vorave andar, vorave restar). (da sè)

Tonina. Aspettèlo, ch’el pol star poco a vegnir.

Lissandro. Me despiase... No vorria... (No so quala far). (da sè)

Tonina. (El gh’ha paura d’esser scoverto, bisogna procurar de fidarlo3). (da sè) Sior Lissandro, savè de quel disnar che s’ha fatto qua stamattina?

Lissandro. Che disnar? (ridendo)

Tonina. Oh via; cossa serve? So che sè stà anca vu a sto disnar.

Lissandro. Anca mi ghe son stà? (ridendo)

Tonina. Sì, lo so de seguro.

Lissandro. Co la lo sa donca....

Tonina. Sentì, no xe sta miga mio mario, savè, che l’ha fatto far sto disnar.

Lissandro. No? (con affettazione)

Tonina. Oh giusto! gnanca per immaginazion.

Lissandro. Mo chi donca? (con maraviglia affettata)

  1. Nell’ed. Zatta questa didascalia precede la parentesi.
  2. In questa scena, e in quelle che seguono, nell’ed. Zatta si trova stampato per lo più Gaspero.
  3. Rassicurarlo.