Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/461


CHI LA FA L'ASPETTA 455

Cattina. Se anzi el n’ha invidà, e avemo disnà qua, e no avemo visto nè mario nè muggier...

Tonina. Gnanca mio mario no ghe giera? (con ansietà a Raimondo)

Raimondo. Sgnora no, al n’i è stà, al n’i è mai vegnù, e sem andadi vi senza poderl ringraziar.

Tonina. Oh cossa che sento! Oh cossa che la me dise! Mio mario no sa gnente! Mio mario xe innocente! La diga, la diga: chi ghe giera? Come èla stada?... Ma... L’aspetta, che qua se bira da freddoìa: oe Riosa. (affannata e contenta)

Riosa. Siora.

Tonina. Ghe xe fogo in tinello?

Riosa. Siora sì.

Tonina. Andemo, andemo, la favorissa. (li prende lutti due per mano) Che la me diga... Che la me conta... Oe Riosa, el paron xe innocente. (allegra) Son fora de mi dalla consolazion. (Corre tenendo li due per la mano, e fa traballare Raimondo, e tulli partono.)

SCENA IV.
Riosa, poi Gasparo con seguito di varie persone.

Riosa. Oh che gh’ho tanto da carob, gh’ho tanto da caro! In verità per elo, ch’el xe el più bon paron che se possa trovar. Nol parla mai, el se contenta de tutto, sia salà, sia dessavìoc, quella bocca no parla mai. Mo come mai xela stada? Chi mai ha disnà ancuo in sta casa? Che ghe sia el foletto1? Ho paura de sì mi. Oh poveretta mi! Mi che dormo sola! Ah i averze la porta! (si vede aprire la porta, e trema)

Gasparo. (Entra solo, e parla sottovoce e lontano) Riosa.

Riosa. Ah el xe elo. (prende coraggio)

Gasparo. Dove xe la patrona? (sempre sottovoce e ridente)

  1. Birar da freddo, intirizzire.
  2. Aver da caro, aver caro, sentir piacere.
  3. Che le vivande sieno salate, o sieno insipide.
  1. Intende lo spirito folletto.