Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/459


Raimondo. Quel cha fatt voster mari in cà del sgnor C’ Bernardin.

Tonina. Cara ella, no la me fazza parlar...

Cattina. Oh via, che no i staga adesso a parlar de negozi.

Tonina. Vorla sentarse qua, vorla che andemo de là ?...

Cattina. Gnente ; mi no me son gnancora sfogada, e me veggio sfogar. La disc che la me voi tanto ben, e una zomada che avevimo da star insieme, la chiappa su e la n’ impianta ? ^^)

Tonina. Ghe assicuro, siora Cattina, che mi no ghe n’ ho colpa, e co mio mano m’ ha dito (^’ sta cossa, el mio viso xe deventà) una brasa de fogo. Anzi ghe dirò la verità. Mio mario voleva che vegnisse doman a domandarghe scusa, e in verità no sa- veva gnanca come far a vegnir.

Raimondo. Vi, se al sgnor Gaspar n’ a psu ("’) esser con nu sta mattina, generosamente al voi ch’ a cenamen in compagni stassira.

Tonina. Dove ? (con maraviglia)

Raimondo. Oh bella; in casa vostra, al n’ve l’ha ditt sior Gasper? ’^’

Tonina. No, in verità, noi m’ ha dito gnente.

Cattina. Gh’ala impegni ? Anderala via anca stassera ?

Tonina. No, cara siora Cattina, no la me mortifica d’avanzo ^^\ Ghe digo e ghe accerto che no podeva aver una consolazion più granda de questa. Dove l’ ala visto mio mario ?

Raimondo. An l’ ho minga vist, el m’ ha scritt un biglietL Oh el m’ ha fatt rider con ste bigliett. (lo tira fuori e legge) Ci sarà tutta la compagnia fuori del ridicolo sior Zanetto e della sguat- tera sua consorte. Sai iera (^’ quel matt, mi an ghe vegniva.)

Tonina. Oh per mi za, la poi dir quel che la voi, mi no so gnente, mi no conosso nissun; el fa le so cosse senza dirme gnente.

Cattina. (Per mi me basta che ghe sia Bortoletto). (da sè)

Raimondo. Me despias solament una cossa. (a Tonina)

Tonina. Gossa, sior Raimondo ? (1) Ed. Zatta : signor. (2) Prende su (opp. se la piglia) e ci pianta. (3) Quasi sempre è stampato dito (detto), secondo la pronuncia naturale veneziana. (4) Mi sono qui preso la licenza di correggere il testo dello Zatta dove è stampato : se el signor Gaspat n’ha più ecc. (5) Così l’ ed. Zatta. (6) Per di più. (7) Se c’era.