Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/455


CHI LA FA L'ASPETTA 449

Riosa. Fazzo quel che posso, servo con amor, e ancora i me magna i occhi... (piangendo)

Tonina. Via, via, a monte, patrona. Andè a far quel che avè da far, e doman, se volè andar via, mi no ve tegno per forza.

Riosa. Basta. Parlerò col patron... (singhiozzando)

Tonina. Siora!1 Parlerò col patron! e mi cossa songio? Avè anca tanta temerarità de dirme che parlerè col patron? Vardè cossa che vol dir un mario che tratta mal so muggier? Nissun la stima, la servitù ghe perde el rispetto.

Riosa. Mi, siora...

Tonina. Andè via de qua.

Riosa. No me par mo gnanca...

Tonina. Andè via de qua, ve digo.

Riosa. No ghe stago se credesse de andar porta per porta a domandar un tocco de pan. (parte)

SCENA II.
Tonina, poi Lissandro in maschera.

Tonina. Sior sì che la xe cussì. Mio mario ghe dà de bon in mana . Ma! chi mai l’averave dito? Baron!3 ch’el me fava tante carezze. Tolè susob. Porlo far de pezo? L’è in doloc, el va via senza dirme gnente; el se vergogna, poveretto. (ironica) El gh’ha rabbia che l’abbia scoverto. (si sente battere) Chi diavolo xe che batte? (va ad aprire) O patron, sior Lissandro. (sostenuta, col suo medesimo tuono sdegnato, senza appena guardarlo)

Lissandro. (In maschera in bautta, ma senza il volto sul viso) Patrona siora Tonina. Gh’èlo sior Gasparo?

Tonina. Sior no, no ’l gh’è. (come sopra)

  1. L’esempio, la facilità2.
  2. Tolè suso, lo stesso che ecco qui.
  3. Si conosce da sè che è colpevole.
  1. Pronunciato con tuono un po’ interrogativo, significa: Che cosa dite? V. Boerio.
  2. Letteralmente: le dà del buono (delle buone ragioni) in mano; e quindi "la lascia troppo imbaldanzire " (Musatti).
  3. Qui significa oh ingannatore!