Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/449


CHI LA FA L'ASPETTA 443

Tonina. Sior sì, deghe quel che ghe vien. (a Gasparo)

Gasparo. Ve digo che sè matto da ligar.

Oste. Come? La me nega l’arzentaria?

Gasparo. Mi no so quel che ve disè.

Oste. M’ha dito i mi zoveni che i ha fatto logar tutto in t’una credenza, che la credenza xe in tinello e la sarà quella là.

Gasparo. Sè matto, ve digo.

Tonina. Vardemo, vardemo. (corre alla credenza, apre, e si vede tutta la roba.)

Gasparo. Coss’è sta roba? (resta attonito)

Oste. Putti, vegnì avanti. Portemo via la mia roba. (entrano i Garzoni con delle ceste, mettono via tutto, e l' Oste va ad aiutare e ad incontrar le posate.)

Tonina. Cossa disela? (a Gasparo)

Gasparo. Son fora de mi.

Tonina. Sior Bernardin?

Gasparo. Chi ghe xe sta? El diavolo in casa mia?

Tonina. Oh sì el diavolo, gh’avè rason. Queste xe cosse che altri ch’el diavolo no le fa far.

Gasparo. Vu sarè stada.

Tonina. Mi? via mo, da bravo.

Gasparo. Altri che vu no gh’aveva le chiave1, altri che vu no podeva vegnir.

Tonina. Vardè, se sè fora de vu, se la passion ve orba, se no savè quel che ve disè? No v’arecordè, patron, che m’avè fatto lassar a casa la chiave del saggiaor? (con sdegno)

Gasparo. (Xe vero: son fora de mi. Vele qua tutte do). (le tira fuori) Ma adesso che vedo, questa no xe compagna de st’altra. Questa no xe della nostra porta. Sè vu che me l’ha scambiada. (a Tonina)

Tonina. Mi, ah! mi, can! mi, traditor! a mi sta sorte de imputazion ! a una donna della mia sorte? Son tradia, son sassinada

e anca m’ho da lassar strapazzar? Ah poveretta mi!
  1. Così nel testo dello Zatta: usasi chiave in dialetto anche per il plurale.