Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/441


Raimondo. (Brava la mi dola!)

Zanetto. Muggier ? mia muggier ?..

Cecilia. Animo, animo, sior, semo vegnui insieme, andemo via insieme, e no ghe xe altri discorsi. (a Zanella)

Zanetto. Basta. Averò l’ onor de riverirla. (a Gallina)

Raimondo. No, che la s’incomoda miga^’^ vidla. (a Zanella)

Zanetto. Come ? No la me voi ? Un omo della mia sorte ? Cossa gh’oio fatto ?

Raimondo. L’am perdona ; servitor de lor sgnori, andem. (prende salto il braccio Callina)

Bortolo. Addio. (a CalUna, così alla sfuggila)

Cattina. Grazie delle gallinazze. (lo saluta con vezzo)

Zanetto. Sangue de diana ! A mi sto affronto ?

Cecilia. Seu matto ? (a Zanetto)

Raimondo. Saludè ’1 sior Gasper, e ringrazici. (a Lissandio)

Lissandro. La sarà servida. (uà a sollecitar i Servitori)

Zanetto. No la me voi donca ? (a Raimondo, con forza)

Raimondo. Mo... Mo... Che Tam scusa. In casa mi... Patron... Mo a gh digh ^^^ pò de no, mi.

Zanetto. No certo ? (con forza)

Raimondo. No, sicura.

Zanetto. Pazenzia. (patetico)

Raimondo. (Oh el bel matt). (da se) Servitor de lor sgnori. (parte con Callina)

Cecilia. Mo andè là, che gh’avè tanto giudizio co fa un gatto. (a Zanella)

Zanetto. Xe vero. Mi no gh’ ho giudizio. Sala chi gh’ ha giu- dizio ? Quel sior. (accennando Boriala)

Bortolo. Mi ? Percossa ?

Zanetto. Credeu che no abbia visto che ave fatto le carte (a) con quella putta ? (a) Far le carte, amareggiare. (I) Così l’ed. Zatta. Forse bisognerebbe correggere: ch’ an /i s’ incomda miga. (2) Così secondo la giafia goldoniana. Nell’ediz. Zatta è stampato: ag dig.