Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/432


Tutti. (Fuor che Raimondo e LissanJro) Sì, sì, sior sì.

Raimondo. Mo sgnor no, da bon, ch’ i avem da aspetar.

Lissandro. Sior, son andà in cusina : se la vedesse, xe una cossa che fa compassion. Tutto va de mal. E sì, sala, l’ ha parec- chia un boccon de disnarl^ no ghe digo gnente. L’ha tolto un cuogo.... (a Raimondo)

Cecilia. Andemo, andemo, sior Raimondo, che i vegnirà.

Raimondo. Se i voi andar lor, che i vaden pur, ma mi e mi fiola piuttost anderem a cà : el veira, Cattina ?

Cattina. Mi, sior ? In verità che gh’ ho fame, e che no gh’ ho gambe da far le scale.

Raimondo. Ti m’ ha pur ditt, che t’era passa la fam ?

Cattina. Oh la me xe tomada.

Cecilia. Anemo, sior Raimondo, andemo che i vegnirà. (lo prende sotto il braccio)

Bortolo. A tola, a tola. (prende per la mano Cattino)

Zanetto. Sans fa^ons, sans fa5ons (a), (la prende per l’altra mano)

Cattina. Sior padre, se ghe xe ^^\ bisogna starghe. (parte con li due suddetti)

Raimondo. L’am voi far far una cossa... (a Cecilia)

Cecilia. Andemo, andemo drio de sti putti. (ouol condurlo via)

Raimondo. Putti ! (fermandosi)

Cecilia. Eh mi, co i xe zoveni, ghe digo putti. Andemo. (parte con Raimondo) SGENA VI. Lissandro e LuCIETTA

Lissandro. Via, siora novizia, la me favorissa la man. (a Lucietta, ridendo)

Lucietta. Eh novizza i totani, (b)

Lissandro. Quanto pagaressi che fusse la verità ? (a) Senza cerimonie : Jrase francese usata comunemente in Italia, (b) Lo stesso che in toscano corbezzoli. (1) Un pranzo coi fiocchi, suntuoso. (2) Ci siamo