Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/432

426 ATTO SECONDO

Tutti. (Fuor che Raimondo e Lissandro) Sì, sì, sior sì.

Raimondo. Mo sgnor no, da bon, ch’i avem da aspetar.

Lissandro. Sior, son andà in cusina: se la vedesse, xe una cossa che fa compassion. Tutto va de mal. E sì, sala, l’ha parecchia un boccon de disnar!1 no ghe digo gnente. L’ha tolto un cuogo.... (a Raimondo)

Cecilia. Andemo, andemo, sior Raimondo, che i vegnirà.

Raimondo. Se i vol andar lor, che i vaden pur, ma mi e mi fiola piuttost anderem a cà: el veira, Cattina?

Cattina. Mi, sior? In verità che gh’ho fame, e che no gh’ho gambe da far le scale.

Raimondo. Ti m’ha pur ditt, che t’era passa la fam?

Cattina. Oh la me xe tornada.

Cecilia. Andemo, sior Raimondo, andemo che i vegnirà. (lo prende sotto il braccio)

Bortolo. A tola, a tola. (prende per la mano Cattina)

Zanetto. Sans façons, sans façonsa. (la prende per l’altra mano)

Cattina. Sior padre, se ghe xe2, bisogna starghe. (parte con li due suddetti)

Raimondo. L’am vol far far una cossa... (a Cecilia)

Cecilia. Andemo, andemo drio de sti putti. (vuol condurlo via)

Raimondo. Putti! (fermandosi)

Cecilia. Eh mi, co i xe zoveni, ghe digo putti. Andemo. (parte con Raimondo)

SCENA VI.
Lissandro e Lucietta


Lissandro. Via, siora novizia, la me favorissa la man. (a Lucietta, ridendo)

Lucietta. Eh novizza i totani.b

Lissandro. Quanto pagaressi che fusse la verità?

  1. Senza cerimonie: frase francese usata comunemente in Italia
  2. Lo stesso che in toscano corbezzoli.
  1. Un pranzo coi fiocchi, suntuoso.
  2. Ci siamo.