Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/431


CHI LA FA L'ASPETTA 425

SCENA V.
Lissandro e detti.

Lissandro. Patroni reveriti.

Cattina. E cussì? Vienli, o no vienli?

Lissandro. I vegnirà.

Cattina. Dove diavolo xeli ficcai stamattina?

Lissandro. Che dirò: sior Gasparo xe da sior Bernardin Zoccoletti per un negozio de canevi, che se el ghe va ben, el va a rischio de vadagnar almanco un mier de ducati, in tre o quattro zorni.

Cecilia. E cossa gh’intra siora Tonina?

Lissandro. Siora Tonina? La xe una donetta che val un milion. Sti marcanti che gh’ha sto canevo da dar via, i gh’ha bisogno de bezzi, ghe vol do mille ducati a la man, e siora Tonina s’ha cava le zoggie1, e tanto che so mario contratta, la xe andada a trovar i bezzi.

Raimondo. Per cossa no ela vgnù da mi, che a gh li averia dadi senza un interess al mond?

Bortolo. Ma in sostanza, vegnirali, o no vegnirali?

Lissandro. I vegnirà.

Zanetto. Sentemose a tola2 che i vegnirà.

Raimondo. Oh sgnor Zannett, cossa disia? Senza i patron de cà? L’am perdona, saravla una bella creanza?

Zanetto. La creanza xe bella e bona, ma mi gh’ho una fame che no ghe vedo.

Lissandro. E el negozio va lungo, e Dio sa quando che i vegnirà.

Lucietta. (Oh mi dobotto3 chiappo su, e vago via). (da sè)

Raimondo. Ma coss’ha ditt el sior Gaspar?

Lissandro. Sior Gasparo gh’ha el mazor travaggio4 del mondo, ma el sa che l’ha da far con de le persone che ghe vol ben, che no ghe vorrà far perder sta bona occasion, e el li prega, e el li supplica, el li sconzura de sentarse a tola, e de principiar.

  1. Si levò i gioielli.
  2. Sediamo a tavola.
  3. Quasi quasi. Più comune debotto.
  4. Pena, dispiacere.