Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/428

422 ATTO SECONDO

Cattina. Sior no; le donne no sa far ben; fazzo meggio mi.

Raimondo. Oh ragazza! ragazza!..

Cattina. Andemo via, caro elo.

Raimondo. I bautt. An gh’è la serva, an gh’è nissun. Avrirò1 mi. (va ad aprire)

Cattina. (Vardè se gh’avesse tesoa a quel baron! andarme a dir ch’el giera da maridar! Manco mal che no gh’ho mai dito de volerghe ben). (da sè)

Raimondo. (Gmod se fa a avrir sta porta? Ah, l’ò trova).(apre)

SCENA IV.
Zanetto dando mano a Lucietta in abito da signora.

Bortolo dando mano a Cecilia, e detti.

Raimondo. Eh i vignin pur innanz; ch’i. s’accumda2.

Zanetto. Servitor umilissimo al mio caro patron. (a Raimondo)

Raimondo. Eia la so sgnora 3 questa?(a Zanetto, accennando Lucietta)

Zanetto. (Senza rispondere lascia Lucietta e corre da Cattina) Ghe fazzo umilissima reverenza. Ala dormio ben sta notte? S’ala destraccà?4 Stala ben? (a Cattina)

Cattina. Benissimo per servirla. (seria)

Zanetto. (Sala insuniàb de mi sta notte?) (a Cattina)

Cattina. (Vardè che sempiezzi5!) (da sè, con rabbia)

Lucietta. (El m’ha impiantà qua). (piano a Cecilia)

Cecilia. Cossa volevistu? ch’el te tegnisse sempre per man? (piano a Lucietta)

Zanetto. (Si va aggiustando l’abito e i maneghetti.)

Raimondo. A i ho ben piaser, sior Bortel, d’aver l’onor de la so compagnì.

  1. Se gli avessi abbadato.
  2. Sognato.
  1. Nell’ed. Zatta si legge averzirò, ch’è vece propria del dialetto veneziano.
  2. Zatta: accomoda.
  3. Zatta: signora.
  4. Si è riposata?
  5. Sciocchezze.