Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/427


CHI LA FA L'ASPETTA 421


poco lontani. Tanto che vien sti altri, andeiò a chiamarli, i vegnirà subito. No la s’indubita gnente. Se vien sti signori, la prego de riverirli ella. (a Raimondo) Vago e vegno in t’un salto. A bon riverirle. (Anderò a veder cossa che i fa in cusina). (da sè, e va per andare all’appartamento)

Raimondo. Dov’andev1 per de là? (a Lissandro)

Lissandro. Eh se va fora anca per de qua. La se scurta2(parte)

SCENA III.
Raimondo e Cattina.

Raimondo. Ah sì, el me là ditt sior Gaspar, che i è do port int la so cà.

Cattina. (No credeva mai che sior Bortolo fusse maridà!) (da sè)

Raimondo. Anim, anim, alligher3.

Cattina. Ghe digo che me sento poco ben.

Raimondo. Ti averà tropp striccà el bust. Vot che te delazza4?

Cattina. El varda se son molaa.

Raimondo. Vot magnar qualcossa?

Cattina. Oh me xe passa la fame.

Raimondo. L’è el patiment, l’è el stomegh che te va vi. Ma perchè n’at fatt colazion stamattina?

Cattina. Non ho avudo tempo.

Raimondo. L’è quel specchb, quel maledett specch. Ti gh sta tre or d’orlogg a quel specch, e fa, e desfa, e tira i cavjc dzà, e tira i cavj d’la; d’i grum de manteca sul topè; d’i baril de polver in tel cignon, e sta bucla ne va ben, e sta bandetta ne corrisponde a quest’altr, a gh voi tutta una mattina per sto bel conzir.

Cattina. Perchè no me tróvelo un perrucchier?

Raimondo. Aveva trovà una donna; no l’avì vluda.

  1. Allegri.
  2. Specchio.
  3. Capelli.
  1. Nello Zatta c’è la forma veneziana andev.
  2. Si abbrevia la via.
  3. Nel dialetto bolognese si direbbe deslazza.
  4. Allentata: dicesi delle allacciature: Boerio.